Scatti campagne social, models, influencer, cataloghi | Becomeadv

Scatti campagne social, models, influencer, cataloghi

SCATTI SINGOLI SU PRODOTTI COSMETICI PER CAMPAGNE SOCIAL

Client: Level Hemp Amnesia Cosmetics

Nazione:Italia

Descrizione lavoro:

Scatti fotografici su prodotti di cosmesi per capelli.

Ogni Prodotto e’ stato fotografato e post prodotto per garantire un’immagine nitida, di altissima qualita’. Le foto le abbiamo utilizzate per lo SHOP del sito web sempre da noi realizzato: www.amnesiacosmetics.com e per la promozione delle pagine social Level Hemp

SCATTI FOTOGRAFICI PER SITO WEB E CATALOGHI

Client: Omeroganic

Settore: Prodotti Beauty

Nazione: Italia – Canada – Giappone

Scattati e postprodotti pù di 100 Soggetti.

Utilizzo:

  • Vetrina Amazon
  • Shop on line sito web
  • Social Marketing
  • Promozioni Direct
  • Co Branding
  • Stampa materiale cartaceo
  • Allestimenti punto vendita

SCATTI PER CAMPAGNE PROMO RISTORAZIONE E MENU’

Cliente: Focaccina

Nazione: Italia – Spagna

Descrizione lavoro: Scatti prodotti food cotti

Case:

Il prodotto principale di Focaccina sono i panini, tramezzini e focacce.

Focaccina offre inoltre ai clienti anche piadine, insalate, biscotti, ciambelle e bibite. Il panino più famoso e venduto è il “Focaccina.” che in Spagna denota un tipo di salame composto di maiale, manzo e paprica e prosciutto.

Oltre al vasto menù che offre Focaccina, il cliente è libero di creare il suo panino sul momento, scegliendo tutti gli ingredienti da inserire all’interno del panino.

La dimensione base del tramezzino di Focaccina è all’incirca di 25 cm di lunghezza e 8 cm di larghezza.

SCATTI FOTOGRAFICI PER MENU E STAMPA CARTELLONISTICA

Client. T-Burger Station

Nazione: Italia  Spagna

Work:

  • scatti fotografici food per tutto il menu
  • scatti fotografici food per comunicazioni Social
  • scatti fotografici per shop on line
  • scatti fotografici per realizzazione campagne promo

 

 

T-Burger Station è il nuovo concept del gruppo T-Bone Station.

Aperto in zone ad altissima frequentazione della capitale è un luogo dove la qualità dei prodotti ”home made” e le attuali esigenze e gusti di mercato si incontrano dando origine ad un marchio giovane ed innovativo che si colloca esattamente a metà strada tra il fast-food ed il ristorante.

Il segreto del progetto T-Burger è legato ad una nuova impostazione di ristorazione che ne rappresenta il maggior valore aggiunto soddisfacendo così le ultime tendenze del mercato della ristorazione.
Il progetto nasce nel 2013 con l’intenzione di ampliarsi su tutto il territorio nazionale
raggiungendo anche piccoli centri vista l’universalità dei prodotto e del menù.

Il prodotto T-Burger Station si basa su un menù ristretto rispetto a quello della catena capo-gruppo T-Bone Station, dove sono stati esaltati i prodotti best-sellers serviti in un ambiente unico in cui già dai materiali utilizzati si può intuire il posizionamento del marchio.
Queste linee strategiche fanno di T-Burger Station un locale unico rispetto ad altre realtà presenti nel settore della ristorazione veloce.
L’esclusività dell’offerta fa apparire T-Burger Station come un locale urbano in cui il cliente può scegliere di venire, di portare a casa propria oppure di godere della comoda consegna a casa dell’intero menù.

SCATTI FOTOGRAFICI GIOELLI E PREZIOSI

Client: Skrigno

Nazione: Italia Usa

Settore: Gioielli

Work: Scattati e post prodotti piu di 400 soggetii

Utilizzo:

  • Vetrina Amazon
  • Shop on line sito web
  • Social Marketing
  • Promozioni Direct
  • Co Branding
  • Stampa materiale cartaceo
  • Allestimenti punto vendita

LA FOTO COMMERCIALE DI GIOIELLI

La foto commerciale deve mostrare ciò che trova una risposta solo nell’immagine, ovvero “Cos’è?”, “E’ fatto bene?” e soprattutto “Mi piace?”, lasciando al testo le altre informazioni, come lunghezze, diametri, quante pietrine ci sono ecc.

Ricordate: una immagine viene “vista” in circa mezzo secondo, ed in questo tempo l’osservatore decide (quasi inconsciamente) se fissare la propria attenzione e iniziare ad “osservarla” o ignorarla e passare ad altro. Per questo non deve essere troppo complicata, nè confusa.

“Cos’é’?”, ovvero riconoscere il tipo di gioiello a prima vista. Per evitare ambigutà come: “Ma è un anello o una spilla? Un orecchino o un ciondolo?”, è necessario poter muovere la fotocamera attorno al gioiello per trovare la giusta angolazione che mostri l’ “elemento caratteristico” di quel tipo di gioiello, che sono:

il foro per il dito ed il gambo negli anelli;
l’occhiello nei ciondoli, meglio se con V di catenina o spago;
ciò che fissa gli orecchini al lobo (pin, farfallina, monachella ecc).
Oppure bisogna dare una “forma caratteristica” agli oggetti che non ce l’hanno perchè si adattano al corpo: a goccia rovesciata per le collane, ad ellisse ai bracciali e orologi, l’essere in coppia degli orecchini.

Servizio fotografici e still life

(fotografia per cataloghi – social marketing)

Nel campo della fotografia questo termine è stato ripreso per descrivere la tecnica fotografica di qualsiasi oggetto inanimato. La tecnica della fotografia Still-life presenta alcuni aspetti semplici ma è più difficoltosa di quanto possa sembrare a prima vista. Ad esempio, nella fotografia sportiva la difficoltà maggiore è il momento e l’angolazione giusta, in un paesaggio il punto di ripresa, per un servizio fotografico può essere il riprendere un gesto particolare del soggetto.

Il risultato da raggiungere in una foto still-life di solito non è complicato. In genere lo scopo è quello di creare un documento che metta in risalto gli attributi più importanti dell’oggetto e sia piacevole da vedersi, oppure di creare una foto artistica con l’aggiunta di una buona dose di fantasia. Con obiettivi così semplici come questi, l’esperienza necessaria è più limitata rispetto alla fotografia in generale.

Quello che invece fa veramente la differenza è l’illuminazione. Sorprendentemente non tutti vedono questa connessione fino a che non viene messa in evidenza, perché la maggior parte della gente non si deve normalmente occupare della creazione di immagini e anche perché i produttori di macchine fotografiche spesso promettono mari e monti. Le macchine fotografiche moderne sono sicuramente delle meraviglie tecnologiche, ma non fanno certamente delle belle foto da sole.

Nella fotografia Still-life la luce deve essere diffusa per non creare ombre troppo evidenti e riflessi. Se per fotografare un oggetto si utilizza il flash incorporato il risultato sarà pessimo sotto ambedue questi punti di vista. Lo stesso avviene riprendendo un oggetto alla luce del sole. Occorrerebbe attendere che il cielo sia uniformemente nuvoloso in quanto le nuvole funzionano da diffusore della luce solare. Ma non sempre si può attendere che le condizioni di luce esterne siano perfette. Per fotografare in interno vengono utilizzate delle apposite attrezzature per la diffusione della luce.

In studio vengono utilizzati dei riflettori con ombrello riflettente, luci con soft-box o illuminatori particolari. A livello amatoriale o nel “fai da te” industriale (per chi ha necessità di fotografare i propri prodotti per inserire le immagini su un sito internet, realizzare un catalogo o altro materiale pubblicitario) vengono invece impiegate delle attrezzature più economiche e cioè dei mini studi fotografici compatti, in genere a forma di cubo, con un tessuto diffusore su tutti i lati, un fondale intercambiabile all’interno e una o due luci all’esterno.

La luce delle lampade (lampade fotografiche a luce corretta) viene diffusa dal tessuto speciale, rimbalza all’interno su tutti i lati e viene riflessa, illuminando così il soggetto in modo ottimale e permettendo di ottenere dei buoni risultati.